Category: Il Racconto

Frammenti di vita e orme di sabbia

Frammenti di vita e orme di sabbia

L’uomo imprimeva sulla spiaggia orme solitarie. Si girava a osservarne la fila arcuata, parallela alla battigia. E tornava sulla larga distesa di sabbia granulare, di un giallo pallido, livellata dalla mareggiata del giorno prima, quando le onde avevano assalito violente la riva, ritraendosi sconfitte dopo aver restituito alla terra canne, tronchi, bottiglie, la gomma d’una […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest
Tre amici nella cantina di 'onna Peppa

Tre amici nella cantina di ‘onna Peppa

“Il dovere chiama. Vado all’ufficio”, così ognuno dei tre amici a quanti li incontravano lungo il percorso. L’ufficio era la cantina di ’onna Peppa, un appuntamento fisso, da ufficio appunto, con l’orario anch’esso fisso, da metà pomeriggio a quando l’orologio della torre scandiva i rintocchi delle otto e ’onna Peppa, svizzera in questo, batteva impaziente […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Mai imbrattarli, i ricordi

Umberto rimetteva piede in paese dopo sessantotto anni nel New Jersey, una ventina da emigrato, dieci o giù di lì da italoamericano, il resto da americano, ché tale si riteneva lui e tale lo ritenevano i nativi. Se n’era andato undicenne, con la famiglia e con un carico di nostalgia e di lacrime durate la […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest
Quando la madre di Gaspare Pisciotta mi cantava le nenie…

Quando la madre di Gaspare Pisciotta mi cantava le nenie…

La donna apparve fantasma nel cuore d’una notte fredda e quieta. Era il febbraio del ’51, quando la seconda guerra era troppo fresca per essere un ricordo accettabile e la terza, roba sua, di famiglia, s’era appena consumata, in malo modo. La macchina su cui giunse lacerò il silenzio. E svegliò i “civili”, per il […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Il macello e le macine del frantoio

Le urla dei maiali sgozzati uscivano dalla porta del macello, percorrevano il vicolo lastricato con pietrame – irregolare da consentire i passi agli uomini e alle bestie, ma non a quelli gommati delle macchine – svoltavano l’angolo della traversa, sfociavano nel grande spiazzo e penetravano le finestre delle scuole elementari. Dove noi, la classe del […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Una mattinata in tribunale

Sezione Penale del Tribunale di… Un giorno preciso, ma uguale agli altri. Un giorno qualunque, quindi. “Assente, già contumace. Non luogo a procedere per sopravvenuta prescrizione del reato”. A dirlo, le labbra, di un rosso acceso, del Giudice onorario, una donna sui trenta-cinque, piacente, capelli neri, autorità e padronanza di chi ha abitudine alla toga […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Zillastro 8 settembre 1943: l’ultima battaglia

Camminavano fin dal mattino di quel sette settembre 1943. Attraversarono l’abitato di Santa Cristina d’Aspromonte a metà del pomeriggio inchiodato da un sole che arrostiva la pelle. Il paese era un ammasso disordinato di case, pietre su pietre che si ergevano da vicoli angusti, opprimenti. Largheggiava sulla piazza e sul Corso, dove oltraggiavano la miseria […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Ne resterà solo uno

Era buio. Se ne stavano silenziosi, immobili, appiccicati l’uno all’altro. E sonnolenti. S 901356 M fu tra i primi a scuotersi dal torpore. Sentì un fremito caldo e vitale pervadergli il corpo. Si sconcertò. Che ci faceva lì? Cosa gli era capitato? Mah, un buco nero nella testa. Non sapeva dove si trovasse. Non conservava […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

La macchina olearia

Cosimo non ci credeva. Figurarsi se poteva crederci. Fantasticherie che appartenevano ai tempi oscuri. Tuttavia, alimentarle non era male per il piano che gli aveva intasato la mente. Che fosse una bestia d’uomo, un gigante da far smuovere i vermi al solo guardarlo, non bastava ormai. Né bastava il passato da ’ndranghetista di sostanza. Appunto […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

Eccola, la vecchiaia

Una ragazza ben educata se si era alzata per cedergli il posto a sedere sulla metro. Quella sua educazione, poteva però cucinarsela a fuoco lento, pensò Alberto, mentre con un’occhiata al veleno e la mano stizzita e agitata bassa le imponeva di rimanere dov’era. E che cazzo, aveva da poco superato i… – nemmeno dentro […]

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest
Pagina 1 di 3123