Mostra Richemont a Milano con foto Valli Cupe. Tallini (Gruppo mistro): “La Calabria che tutti vogliamo”

“La presenza della Riserva Naturale Valli Cupe all’evento organizzato a Milano da Giampiero Bodino, fondatore e direttore creativo dell’omonima maison di alta gioielleria e direttore creativo del gruppo Swiss Luxury Group Richemont, uno dei colossi internazionali del lusso, è un evento di straordinaria importanza.

Domenico Tallini

Domenico Tallini

E lo è – sostiene il consigliere regionale Mimmo Tallini, da giovedì scorso segretario-questore dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea – sia per la Riserva istituita l’anno scorso con legge dal Consiglio regionale,  che dimostra di avere una governance capace ed efficiente, che per la Calabria, mirabilmente rappresentata in una location di grande prestigio come Villa Mozart, per la prima vola aperta al pubblico”.  Aggiunge Tallini: “Ho visto sia i quindici ritratti di donne con indosso gioielli strepitosi, realizzati da uno dei più intuitivi, estrosi e noti fotografi internazionali di moda come Guido Taroni, sia le due splendide foto che hanno come scenario paesaggi della Riserva calabrese, ma soprattutto ho apprezzato l’elegante catalogo della mostra (‘Beauty is my favourite colour’) in cui la Calabria, tra le camere prestigiose di ville aristocratiche e residenze del Nord Italia, è menzionata per le sue bellezze naturalistiche e i suoi boschi segreti. Sono del parere – ha concluso Tallini  – che tutti i dibattiti sul Mezzogiorno finalizzati a ridargli il ruolo che gli spetta nello scenario nazionale, siano senz’altro utili, ma sono altresì convinto che per fare risultato e rettificare anche la percezione che il Paese ha delle aree più svantaggiate del Sud, occorra dare  spazio, forza e risorse ai nostri giovani, alle idee innovative e alle competenze disseminate sul territorio, come ha fatto il Consiglio regionale, approvando la legge che ha conferito veste giuridica ad un’esperienza naturalistica come le Valli Cupe”.

FacebookTwitterGoogle+EmailLinkedInPinterest

I commenti sono chiusi.